Essere assunti in somministrazione: tutto ciò che il lavoratore deve sapere

News · Maggio 19, 2021

Hai ricevuto una proposta per un contratto di lavoro in somministrazione e vuoi scoprire in cosa consiste? Ecco tutto ciò che devi sapere

Quando si parla di contratto in somministrazione (introdotto in Italia nel 2003) è necessario sapere che le parti coinvolte nel rapporto di lavoro sono tre:

  1. 1) L’Agenzia per il Lavoro (somministratore) che prende in carico l’assunzione formalmente
  2. 2) Il lavoratore che presta la propria manodopera
  3. 3) L’Azienda ospitante/un privato professionista dove il lavoratore presterà il suo servizio (l’utilizzatore)

Come funziona il contratto di somministrazione?

Sostanzialmente, il lavoratore è assunto con un contratto (a tempo determinato o indeterminato) dall’Agenzia per il Lavoro ed è mandato a svolgere la propria attività dall’utilizzatore. È necessario specificare che coloro che prestano servizio per conto di un’Agenzia per il Lavoro, e dunque sono inviati in missione presso le aziende, grazie al principio di parità di trattamento godono di condizioni economiche e normative NON inferiori a quelle dei dipendenti di pari livello dell’utilizzatore. Di conseguenza, sono equiparati a livello retributivo ai colleghi delle aziende presso le quali sono inviati. Il contratto di somministrazione può essere sottoposto a diverse figure professionali, a partire dall’operaio fino al dirigente e prevede tutti i diritti e doveri che spettano al lavoratore. L’Agenzia per il lavoro si occuperà di retribuire il lavoratore, di versare i contributi Inps e i premi Inail nel rispetto del Ccnl applicato dall’impresa utilizzatrice.

Cosa spetta al lavoratore assunto in somministrazione?

Un lavoro tutelato e regolarmente retribuito. L’Agenzia per il Lavoro pone i diritti e i doveri del lavoratore al primo posto, garantendo la sua stabilità e la sua sicurezza. Proprio per questo motivo AxL pone le proprie basi su un ufficio amministrativo efficiente e un ufficio legale altamente competente. Ma quindi, se si è assunti da un’Agenzia per il Lavoro, cosa bisogna aspettarsi? Sicuramente di essere a carico di una realtà solida che collabora con Aziende verificate, ma non solo. Il lavoratore deve aspettarsi di poter contare su risposte autorevoli e veloci in merito al proprio contratto di lavoro.

Sì, ma quali sono i punti a sfavore?

Non ci sono aspetti negativi, rispetto ai contratti regolarizzati direttamente dalle aziende. Certamente bisogna comprendere che l’Agenzia per il Lavoro tutelerà i diritti del lavoratore tanto quanto verificherà lo svolgimento dei suoi doveri. È ragionevole pensare che un’Azienda utilizzatrice pretenda che il lavoratore somministrato svolga il lavoro richiesto con la massima professionalità, sempre nel rispetto del contratto sottoscritto dalle parti.

 

Cerchi un’occupazione? Scopri tutti le nostre offerte di lavoro

Inviaci la tua richiesta per maggiori informazioni

Tutti i campi sono obbligatori

    SCARICA LA NOSTRA APP