Immagine
News · Maggio 17, 2022

AXL E UNIBG PER LA PRIMA PIATTAFORMA ONLINE ITALIANA CHE VALORIZZA I TALENTI DEI CANDIDATI E LI INDIRIZZA NELLA GIUNGLA DEL MERCATO DEL LAVORO

Bergamo, 17 maggio 2022 – Dalla collaborazione tra AxL, una delle più importanti imprese italiane che opera nelle risorse umane, e l’Università degli Studi di Bergamo, nasce un progetto che si appresta a rivoluzionare il mondo del lavoro. Si tratta della prima piattaforma online in Italia che propone a chi sta cercando lavoro o vuole cambiarlo una serie di servizi di supporto e soluzioni concrete per districarsi nella giungla di annunci, offerte e tipologie di curricula.

Una sorta di personal trainer del lavoro, in veste digitale, che aiuti i candidati a cogliere le giuste opportunità professionali, rendendoli più appetibili sul mercato e valorizzandone i talenti, tenendo conto dei suoi specifici bisogni e mantenendo una stretta relazione con il territorio di riferimento.

Se oggi un candidato è costretto al “fai-da-te” districandosi tra le consuete piattaforme internazionali e marketplace per mettere in evidenza il suo profilo agli occhi delle imprese, presto potrà farlo avvalendosi dell’aiuto di una piattaforma nuova con servizi specifici dedicati a facilitare l’inserimento nel mondo del lavoro o il cambio di carriera.

Uno strumento digitale in cui sarà centrale il ruolo delle persone, la valorizzazione del tessuto locale e la specifica competenza nel settore: la ricerca di un’occupazione non rimarrà solo un processo meccanico, ma assumerà un valore umano molto più importante. In questo modo si indirizzeranno i candidati verso scelte ragionate e responsabili, mappando le loro competenze e analizzando esperienze professionali e accademiche. Anche la fase di presentazione della candidatura sarà seguita da personale specializzato: la stesura di un curriculum vitae efficace e la preparazione per un colloquio non saranno più un problema. I partner di questo progetto di frontiera saranno AxL, che vanta competenze nel settore della selezione e della gestione delle risorse umane, SDM, Scuola di Alta Formazione dell’Università di Bergamo, che seguirà la parte scientifica del progetto, e Cobalto, digital agency specializzata in progetti e-commerce di livello internazionale, che ne seguirà lo sviluppo tecnologico.

Questo progetto, proprio perché digitale e innovativo, andrà incontro ai giovani che sono particolarmente penalizzati nella ricerca del lavoro. Dall’ultimo report di Oxfam sul mercato del lavoro risulta, infatti, che i giovani tra i 15 e i 24 anni di età hanno vissuto una drastica contrazione del tasso di occupazione, passando dal 25,7% del 2005 al 16,8% del 2020. Critica anche la situazione per i giovani tra i 30 e i 34 anni, che sono passati dal 75,5% del 2005 al 66,9% del 2020. Migliore invece la situazione per i lavoratori maturi che vedono l’occupazione salire in termini di punti percentuali. In parte la responsabilità sarà della formazione, ma in parte dipenderà anche dalla mancanza di canali specifici dedicati a sostenere i giovani nella ricerca e nella preparazione del proprio profilo. “Questo progetto sopperisce alla mancanza di punti di riferimento nella ricerca del lavoro”, spiega Lucio Oliveri, direttore generale AxL. “La nostra agenzia si occupa di lavoro tutti i giorni e mette a disposizione le proprie competenze per indagare i bisogni dei candidati, vedere se emergono esigenze specifiche e individuare gli interessi del mercato. Il grande valore aggiunto di questa iniziativa è l’aspetto umano presente dietro la piattaforma digitale, la capacità di valorizzare i candidati attraverso i servizi proposti dai coach di una vera agenzia per il lavoro. Solo un’azienda che fa del lavoro il proprio lavoro, fatta di persone che conoscono a fondo il settore, anche a livello tecnico e normativo, può aiutare effettivamente altre persone a raggiungere i propri obbiettivi”. Le competenze di un’Agenzia, con una tradizione quasi ventennale, se trasferite nel mondo del digitale permettono di affiancare il lavoro che le filiali svolgono quotidianamente a livello territoriale un percorso di crescita su larga scala. Già in passato AxL aveva avuto successo nell’ottenimento di importanti incarichi di sviluppo digitale a livello nazionale, ma con questo progetto si prepara a fare un grande salto nel futuro, anche grazie all’indispensabile apporto dei giovani del Master in Digital Business Development della Scuola di Alta Formazione dell’Università degli Studi di Bergamo. “Ci proponiamo di unire tra loro i principali canali utilizzati da chi cerca un lavoro che sono le Agenzie per il lavoro (al primo posto), le piattaforme come Linkedin (scelta da un quarto della popolazione in cerca di nuove opportunità) e il canale delle relazioni, tra le quali i contatti personali e le relazioni coltivate attraverso i social media”, conclude Lucio Oliveri.

“Dal 2005 la nostra Scuola di Alta Formazione rappresenta il punto di incontro delle risorse accademiche e professionali più qualificate nelle diverse aree di competenza. Come ci piace dire, la Scuola di Alta Formazione trasforma la ricerca in futuro professionale”, racconta Daniela Andreini, prorettrice dell’Università di Bergamo con delega all’Innovazione e Transizione Digitale dei Processi e dei Servizi di Ateneo, direttrice del Master in Digital Business Development e professoressa di Marketing. “Quando AxL ci ha proposto la sua idea ci è subito piaciuta perché consente di affrontare un grande bisogno per i giovani. Adesso, insieme, stiamo creando degli spazi di connessione tra datori di lavoro e candidati, spazi in cui far convergere risorse e idee, in cui poter sviluppare business virtuosi. Noi docenti, insieme agli studenti del Master in Digital Business Development, ci occupiamo della parte scientifica del progetto, mentre AxL di quella più tecnica e verticale”. A un progetto così articolato, lungimirante e grintoso, non possono che corrispondere investimenti in termini di ricerca scientifica, analisi dei dati e test di mercato. Entro novembre si concluderà la fase di predisposizione scientifica all’interno del Master in Digital Business Development, in modo che il progetto possa concretizzarsi nel 2023. Ciò che sappiamo è che con l’inizio di questo percorso si apriranno nuove porte per chiunque stia cercando un lavoro o voglia cambiare il proprio status professionale. Grazie alla realizzazione di questo nuovo progetto digitale, infatti, la ricerca del lavoro diventa qualcosa di innovativo, tecnologico e allo stesso tempo intimo e umano, una veste da cucire passo dopo passo sulle forme del candidato e non più un semplice processo meccanico di inserimento dati”, commenta Mauro Milesi, Fondatore di Cobalto che ha seguito anche l’innovativo progetto della nuova piattaforma digitale per l’e-commerce dell’abbigliamento dell’Esercito Italiano. Il connubio tra lato scientifico e umano creerà nuove, allettanti occasioni. Non resta che coglierle.

Inviaci la tua richiesta per maggiori informazioni

Tutti i campi sono obbligatori

    Preferenze cookie